Gheddafi, sei anni dopo. La mia intervista al cugino del rais Ahmed Gaddaf al-Dam

Sono passati già sei anni dal 20 settembre 2011, quando Muammar Gheddafi è stato deposto lasciando il suo Paese nel caos, malgrado gli sforzi internazionali per rimetterlo in sesto. Sei anni dopo la sua cattura e la sua uccisione a Sirte, sua città natale, suo cugino Ahmed Gaddaf al-Dam, che per anni ha ricoperto il ruolo di inviato speciale di Tripoli al Cairo, ha voluto rendergli omaggio. Lo ha fatto con la pubblicazione del suo nuovo libro “Parla Gaddaf al-Dam, mezzo secolo con Gheddafi”, una sorta di autobiografia in cui narra il suo stretto rapporto con Muammar Gheddafi, dall’infanzia alla guerra militare tra la Libia e l’Egitto nel 1977, dalla fondazione dell’Esercito di Liberazione libica al ruolo di Gheddafi nella diffusione dell’Islam in Africa e in Asia. Raggiunto al Cairo durante la presentazione del suo libro, che sarà distribuito in tutti i Paesi arabi, abbiamo chiesto al generale Ahmed Gaddaf al-Dam, oggi funzionario politico del Fronte di Lotta Nazionale, di ricordare insieme suo cugino, Muammar Gheddafi.

Qual è il ricordo più bello che ha di suo cugino?

“I miei ricordi più belli con Gheddafi sono di quando ci trovavamo nel deserto, quando lui era libero da tutte le restrizioni. Lui dormiva all’aperto, la sera ci diceva ‘voi dormite negli hotel a 5 stelle, io invece dormo nell’hotel a mille stelle”, intendendo le migliaia di stelle che brillano nel cielo del nostro meraviglioso deserto. La grandezza di Muammar Gheddafi risiedeva nella sua semplicità e nell’attenzione verso il semplice, verso i poveri, ha sostenuto la causa dei negri e degli indiani rossi. Lui ha scritto su di loro e non lo ha mai negato. Il Libro Verde è la migliore dimostrazione, quando ha parlato della giustizia, del sistema di partenariato e di consultazione. La teoria dello Stato delle Masse di cui parla è stata condivisa da ogni Parlamento in tutti i Paesi vicini nella regione e da ogni potere. Tutti sono nel suo libro ‘Lunga Vita’, se non fosse per quelle persone emarginate che hanno semplici professioni, come i lavoratori delle fogne, i pulitori e gli altri… che felicità entrerebbe in ogni casa, la vita non si è fermata. Gli ho sentito dire la cosa più bella quando gli ho fatto osservare che la guerra con la Nato non era alla nostra portata: (ha risposto che, ndr.) non ci saremmo sottratti alla vergogna delle generazioni future e che non avremmo rinunciato nonostante tutte le offerte tentate che gli richiedevano di lasciare, nonostante tutti i soldi, le strutture, né per qualsiasi posto, nemmeno in cambio di tutte le garanzie”.

Avete mai litigato? Ci sono stati dei momenti di scontro?

“Mi sono scontrato spesso con Gheddafi e purtroppo ho scoperto che aveva ragione lui, in particolare quando diceva che l’occidente non conosce l’amicizia e la cooperazione costruttiva, ma solamente essere schiavo o nemico. Ma non erano litigi, solamente confronti”.

 Come valuta a distanza di sei anni i fatti di febbraio 2011?

“Purtroppo alcuni libici hanno creduto nelle promesse dell’occidente, che veniva a proteggerli e a diffondere la democrazia, la libertà e i diritti umani, credendo che Gheddafi era un nemico di tutto questo. Questo era il motivo e l’obiettivo. Hanno scoperto dopo tutti questi anni che questa illusione si era trasformata in un incubo e oggi si mordono le dita dal rimorso e dalla misericordia del tempo di Gheddafi. Il popolo libico si vergogna per la perdita della sua dignità e della dignità della Nazione”.

Alcuni sostenitori di Saif al-Islam Gheddafi l’accusano di aver abbandonato suo cugino nel 2011. È vero che c’è stato un litigio tra lei e suo nipote? Che cosa è successo?

“All’inizio il disaccordo era tra libici, senza il coinvolgimento di parti esterne, e non volevo farne parte. Avevo un’opinione diversa. I miei colleghi hanno visto la cosa come una cospirazione e non è stato possibile avere successo. La lotta per le sfide e le cospirazioni durava da 40 anni e ci eravamo adattati. Ho visto la dimensione della pianificazione e della determinazione per sbarazzarsi di Gheddafi attraverso l’attacco della Nato. Non ho mai accettato e non ho mai ceduto alle tante offerte e minacce dei funzionari occidentali. Sono un nazionalista e mio padre è stato uno dei fondatori dell’Esercito di Liberazione, ma qualsiasi cittadino non può fare altro in un momento simile, come la maggior parte del nostro popolo e di tutti i popoli liberi, quando c’è l’aggressione straniera, non v’è altra scelta della patria, nonostante vi siano delle differenze all’interno. Quando ho detto la mia, il mio punto di vista era che questo confronto non era a nostro favore. Dobbiamo trovare i punti politici e questa è l’unica arma possibile per salvare il Paese. Purtroppo nessuno in occidente ha voluto una soluzione diversa dal controllare la Libia, secondo un piano infernale, che si è rivelato un fallimento se guardiamo ai risultati che hanno colpito tutti, inclusi i paesi che hanno distrutto la Libia. Il mio disaccordo con i miei colleghi è che credo che tutti i libici siano vittime. Il loro ruolo è marginale. Una guerra psicologica ha accompagnato l’offensiva della Nato, che è stata portata da alcune delle spie reclutate dall’occidente da anni per questo scopo. Credo anche che la sfida oggi è rivolta alla patria, a tutti. In questo processo è necessario dialogare con tutti per salvare la patria, poi quando comincerà la battaglia politica, ognuno di noi alla sua trincea. Tutti abbiamo partecipato a questa distruzione e se continuiamo così, a distruggere le nostre capacità, non vincerà nessuno. Ma oggi vediamo che la bandiera bianca guadagna terreno e attrae anche i nostri avversari che hanno combattuto con la Nato e sono tornati a casa. Noi li dobbiamo perdonare. I miei colleghi, invece, ritengono che questi hanno venduto la patria al nemico e sostengono che il tradimento non sia negoziabile. Ma non ho mai abbandonato Gheddafi, sono stato in contatto con lui fino all’ultimo giorno”.

Di recente è stato accertato il coinvolgimento del Qatar nell’assassinio di Muammar Gheddafi. Cosa ne pensa?

“Non c’è controversia tra noi e il Qatar, al contrario, siamo stati amici fino a febbraio 2011 e credo che questo piccolo paese sia stato costretto a finanziare questa campagna sotto pressione. Per quanto riguarda il livello militare, questo accadde quando il ministro dell’Interno francese ha dichiarato che questa guerra è una crociata contro la Libia. Questa dichiarazione è stata in gran parte controversa, portando lo sceicco Qaradawy a risolvere questa disputa coinvolgendo il Qatar in questa invasione di piloti musulmani, senza flotte, né droni, né eserciti. Quando i presidenti americano, francese e britannico hanno annunciato di aver effettivamente distrutto il regime, il Qatar non occuperà alcun posto nella storia e sarà condannato alla vergogna..

È vero che è stato indagato  dall’Interpol? Quali sono i problemi che deve vivere chi porta il nome Gheddafi?
“Sì, il nostro nome è stato inserito in molti elenchi di sanzioni, compresa l’Interpol, per terrorizzare e bloccare la nostra attività, impedendoci di difendere la patria. Io sono stato tra quelli messi in questi elenchi, che includono anche i nostri figli, le donne e anche alcuni dei martiri uccisi dalla Nato. Questo è vergognoso e verrà un giorno in cui l’occidente si pentirà di ciò.
Ho depositato una causa contro l’Unione Europea attraverso il signor Hervé de Charette, ex ministro degli Affari esteri francese e mio amico avvocato.
La Corte europea ha stabilito che tutte le restrizioni nei miei confronti vengano rimosse ed ho concordato che non avrei preteso altri diritti, riconoscendo implicitamente l’ingiustizia”
.

Come valuta l’apertura da parte del Rappresentante speciale della Missione delle Nazioni Unite, Ghassan Salamè, a voi dell’ex regime?

“Abbiamo accolto con favore le proposte del signor Ghassan Salamè, certamente è un passo positivo perché noi siamo il sistema legittimo. Fino ad ora rappresentiamo il 70% del popolo libico. Siamo l’esercito, la polizia, i giudici, i politici, le élite, i lavoratori e le tribù. A portare la Libia allo stato attuale sono stati i gruppi imposti dalla Nato e la loro presenza non può essere legittimata con i razzi e con i missili”.

Pubblicato in esclusiva su Notizie Geopolitiche il 23 ottobre 2017