La mia intervista esclusiva per Notizie Geopolitiche ad Ali Vaez – International Crisis Group

A giugno 2015, era stato firmato l’accordo sul nucleare tra l’Iran e i Paesi del cosiddetto “5+1”, cioè i membri del Consiglio di Sicurezza dell’ONU di allora con potere di veto: Inghilterra, Francia, Stati Uniti, Russia e Cina, più la Germania (P5+1). L’accordo venne definito ‘storico’ da Obama, che insieme ai suoi alleati immaginava un nuovo ottimistico scenario mediorientale, dove l’Iran avrebbe avuto finalmente un ruolo protagonista. L’accordo prevedeva la graduale eliminazione delle sanzioni economiche imposte all’Iran per anni, il quale dall’altra parte accettava di limitare il programma nucleare, permettendo periodicamente, il controllo delle centrali agli addetti ai lavori dell’ONU. L’accordo era giunto dopo anni di discussioni tra USA ed EU che accusavano l’Iran del fine militare delle centrifughe nucleari, contrariamente da quanto sostenuto dalla Repubblica Islamica che si difendeva nascondendosi dietro meri scopi civili. L’accordo sembrava funzionare, tutto sembra andare per il meglio, se non fosse che: l’Iran, abbandonato sì il nucleare, abbia iniziato a testare nuove strategie come i sistemi missilistici balistici e i veicoli aerospaziali. In questo quadro, va ricordato il cambio di rotta della politica estera americana, conseguente al passaggio di consegne tra Barack Obama e Donald Trump. Quest’ultimo, che ha sempre adottato la politica di distruggere tutto ciò che era stato fatto dal suo predecessore, ha espresso senza grande mistero forti dubbi sull’accordo iraniano. A conferma di ciò il rafforzamento dei rapporti con i principali nemici di Teheran nella regione, Arabia Saudita ed Israele. Dopo l’esito positivo dell’ultimo test iraniano del 27 luglio, con il lancio del veicolo spaziale ‘Simorgh’, Trump ha subito minacciato, con il savoir-faire che lo contraddistingue, di travolgere se necessario l’accordo del 2015 e l’immediata introduzione di nuove sanzioni. Affermazioni che non sono una novità, considerando che nell’incontro a Riad dello scorso maggio, aveva accusato Teheran di finanziare il terrorismo, flirtando con Hezbollah e Fratelli Musulmani e definendo l’Iran ‘il più grosso pericolo per l’Occidente’. Mentre diversi analisti occidentali sostengono una possibile egemonia iraniana, soprattutto al termine della guerra in Iraq contro l’ISIS, abbiamo cercato di fare chiarezza, incontrando uno dei massimi esperti in materia: Ali Vaez, analista senior dell’Iran per Crisis Group. Lo studioso, nel corso degli ultimi anni e con la consulenza di tutti i partiti nei negoziati nucleari, ha contribuito a colmare le lacune tra l’Iran e il P5 + 1 ed è riconosciuto anche dal Governo degli Stati Uniti, come uno dei più importanti esperti sui programmi nucleari e missilistici iraniani.

Qual è la situazione attuale economica, sociale e politica dell’Iran? E quali sono le novità dell’accordo nucleare?

La buona notizia è che l’accordo nucleare sta funzionando esattamente come previsto. Molte persone avevano paventato molte altre idee, ma questo era ed è puramente un accordo nucleare. L’affare di base era un congelamento delle attività nucleari, in cambio di un alleggerimento delle sanzioni. L’accordo ha avvolto il programma nucleare iraniano nel più vigoroso regime di controllo delle garanzie mai implementato, e l’IAEA ha verificato già sei volte, dopo l’entrata in vigore dell’intesa, che l’Iran ha rispettato i suoi impegni. Ci sono stati alcuni attacchi tecnici, ma sono stati rapidamente risolti dalla commissione mista creata nell’ambito dell’accordo. L’economia iraniana ha recuperato ed è migliorata indiscutibilmente, ma forse, non così rapidamente come l’amministrazione di Rouhani aveva sperato. Tuttavia il Fondo Monetario Internazionale (FMI) prevede che l’economia iraniana cresca al tasso del 5% entro il 2018, il che renderà l’economia della regione ancora in più rapida crescita. L’inflazione è scesa dal 40% del 2012, a meno del 10%. Gli investimenti stranieri sono in aumento. Il commercio con l’Europa è aumentato di 5 volte.

Quali sono allora gli aspetti preoccupanti?

Le cattive notizie sono che, nonostante il suo successo, l’accordo rimane estremamente instabile. È tanto fragile, quanto sono formidabili le forze contro di esso. Per assicurare il successo, le parti lo hanno negoziato come un accordo di controllo strettamente sulle armi, per non avvalersi di un più ampio compromesso o di una collaborazione in settori di preoccupazione condivisa, anche se alcuni lo avevano sperato, o temuto, che lo avrebbe fatto. Mi lasci chiarire che l’accordo non avrebbe potuto essere negoziato con successo se quei problemi fossero stati messi sul tavolo. Oggi costituiscono la minaccia primaria per la sua implementazione di successo. Questo, a sua volta, è dovuto al fatto che il potenziale di trasformazione del piano d’azione congiunto globale (JCPOA) non si è ancora materializzato di fronte a potenti parti interessate, che si sono mosse per assicurare che sia un massimale, non un fondamento per la disoccupazione tra l’Iran, i suoi vicini e gli Stati Uniti.

L’Iran è, per il presidente americano Donald Trump, la minaccia più pericolosa per l’Occidente. Quali strategie ha adottato l’amministrazione americana contro di essa? Quanto pesa Israele in queste scelte?

L’Amministrazione Trump è altamente scettica riguardo all’accordo e ha autorizzato un team di sicurezza nazionale altamente ostile all’Iran. L’amministrazione ha capito che l’uccisione dell’operazione non è una buona opzione dato che l’elevato grado di soddisfazione di altre parti interessate, e la conformità dell’Iran all’accordo, porterebbero all’isolamento statunitense. Tuttavia, sembra che stia cercando in tutti i modi di assicurarsi che l’Iran non possa raccogliere i dividendi economici del contratto, per cui sarebbe il primo a violare la JCPOA. Parallelamente, l’Amministrazione cerca di contrastare le politiche regionali dell’Iran. Ciò potrebbe aumentare le tensioni tra le due parti e provocare un ‘tit-for-tat’, che trasformerebbe l’accordo nucleare in gravi danni collaterali. Israele non sembra essere tanto appassionato (quanto l’Amministrazione Trump) a minare la JCPOA, come una priorità.

Teheran e Mosca hanno sviluppato relazioni strategiche e sono stati in grado di rafforzare i legami, in particolare nel commercio. Più sanzioni da parte degli Stati Uniti, non rischiano di rafforzare queste relazioni?

Il rapporto di Teheran con Mosca è principalmente tattico, non strategico. I due Paesi condividono la loro ‘inimicizia’ verso gli Stati Uniti e gli azionisti comuni nel conflitto siriano. Più isolano gli Stati Uniti, tanto più hanno un interesse per la cooperazione. Ma il rapporto è improbabile che diventi strategico, in quanto vi è una tremenda quantità di sfiducia storica tra i due Paesi.

I rapporti con diversi gruppi terroristici, i test missilistici, i flirt con Hezbollah contro Israele e la lista è ancora lunga… pensa che ci sia un piano iraniano per conquistare il Medio Oriente?

Non è utile amplificare la forza e il potere dell’Iran: sebbene Teheran abbia più influenza a Baghdad, Damasco, Beirut e Sanaa (più di quanto abituato), il suo ruolo in tutti e quattro è più controverso per via degli attori statali e non statali, più che in passato. Come Nazione persiana tra arabi e turchi, uno stato diviso tra sciiti e sunniti, esistono barriere naturali alla portata dell’Iran che spiegano la mancata diffusione della rivoluzione, di quasi quattro decenni, a qualsiasi paese confinante. Secondo l’ex ambasciatore americano in Iraq, Ryan Crocker, “l’influenza iraniana è auto-limitante. Quanto più spingono, più resistenza ottengono “. Le politiche di tutti i leader iraniani contemporanei, a prescindere dall’appartenenza politica, sono state formate da due obiettivi: il mantenimento del regime e il restauro del ruolo dell’Iran, dicono i critici, nell’espansione come leader regionale. Il perseguimento dell’autoconservazione, obiettivo primario di qualsiasi sistema politico, confina con la paranoia in una cultura politica iraniana imbottita di un profondo senso di insicurezza e di solitudine. La prospettiva di sicurezza degli attuali leader dell’Iran è formata dal traumatico conflitto ‘1980-1988’ con l’Iraq, in cui quasi tutta la regione e l’Occidente hanno sostenuto lo sforzo di guerra di Saddam Hussein. Successivamente, i Paesi del Golfo insieme all’Occidente hanno assistito gli Stati Uniti invadere l’Afghanistan e l’Iraq, i loro vicini a est e ad ovest. Per compensare il suo senso di circondamento da parte delle forze statunitensi e degli stati pro-USA e della sua capacità militare convenzionale inferiore, rispetto a quella dei suoi vicini, l’Iran ha sviluppato una rete di partner e proxy per respingere le minacce alle frontiere. Teheran adotta questa sua ‘politica di difesa in avanti’, un eufemismo per molti, cercando di usare gli altri stati come tamponi, a scapito della loro sovranità.

Cosa mi dice riguardo ad Hezbollah?

L’Hezbollah libanese è la pietra angolare della strategia avanzata dell’Iran. Come disse un funzionario israeliano più anziano: “Per noi, l’Iran è un chilometro di distanza, mentre per l’Iran, Israele è a 10 metri di distanza dal confine libanese”. Molti a Teheran sono convinti che Israele non abbia colpito gli impianti iraniani dell’uranio impoverito e il reattore ad acqua pesante durante la crisi nucleare, ma è stato un grande timore, questo spiegherebbe le centinaia di missili forniti da Hezbollah in Iran, che puntano alle città israeliane. Quello che l’Iran chiama ‘l’asse della resistenza’ tra Israele e gli Stati Uniti – conosciuto dai vicini sunniti iraniani come la “mezzaluna sciita” – è un’estensione molto più aggressiva della sua politica di difesa avanzata. Non solo dà profondità strategica all’Iran, ma permette di proiettare potere nel Levante. L’Iran per lungo tempo ha rifiutato l’idea che il terrorismo si trovi alla radice delle sue alleanze, ma come la guerra proxy della Somalia non è più approfondita, ha preteso di restare al di sopra della sfida intransigente. Teheran ora mobilita le milizie sciite provenienti da tutta la regione per combattere in Iraq e Siria, mentre non riesce a condannare – e persino facilita – le atrocità che commettono nei campi sunniti di questi Paesi, alimentando il risentimento e fornendo agli estremisti sunniti un potente strumento di reclutamento.

La deterrenza convenzionale di Teheran non sembra minacciosa per la regione. Il suo punto centrale è un programma missilistico balistico, come successione per essere stata una vittima di queste durante la guerra Iran-Iraq. Come l’unica arma iraniana che potrebbe raggiungere i suoi avversari sul loro terreno, i missili sono considerati un’arma esistenziale da parte di Teheran, che perseguirà il loro sviluppo indipendentemente dalle sanzioni imposte. Gli iraniani hanno rifiutato di mettere i loro missili sul tavolo delle contrattazioni, durante i negoziati nucleari ed è improbabili di riuscire a comprometterli, senza cambiamenti fondamentali nella struttura di sicurezza della regione, di cui l’Iran sarebbe parte integrante. Non sorprende che ciò che sembra difensivo per Teheran, viene percepito all’esterno come aggressivo, ma ciò che rende la politica regionale iraniana particolarmente minacciosa è quello che c’è dietro di esso: il suo desiderio per lo status regionale, che nelle capitali vicine sembra un tentativo di egemonia. Per loro, tale scenario è insopportabile, come l’isolamento dell’Iran dalla regione è inaccettabile per Teheran.

Cosa consiglia agli Stati Uniti?

Qualsiasi politica statunitense nei confronti delle ambizioni regionali iraniane deve tenere conto di queste dinamiche. Questo permetterà a Washington di sviluppare una valutazione realistica delle reazioni probabili di Teheran.

Israele ha già ipotizzato che se Assad ha ripreso il controllo del Sud-Est della Siria, il governatorato di Deir Ezzor e il confine siriano-iracheno, l’Iran sarà il vero vincitore della guerra contro ISIS. Cosa ne pensa?

È importante ricordare che, prima dell’insurrezione siriana nel 2011, l’Iran aveva una stretta alleanza militare con il regime siriano e aveva accesso al sud est della Siria. In quanto tale, è difficile dichiarare l’Iran come vincitore, data la quantità di sangue e il prezzo che ha dovuto sostenere per preservare lo status quo ante.

Pensa che siamo vicini a un conflitto armato?

Le dinamiche nella regione mediorientale stanno andando in una direzione molto preoccupante: l’attrito tra l’Iran e gli Stati Uniti in Siria, in Yemen e in Iraq sta crescendo; la nuova leadership dell’Arabia Saudita è intesa a tagliare fuori l’Iran.  Finora, non esiste un contatto politico di alto livello tra Teheran e Washington. Tutto ciò aumenta notevolmente le probabilità di un confronto deliberato o involontario, che potrebbe mandare l’intera regione in un caos più profondo e in un sempre più probabile spargimento di sangue.